LOT (storie di)

Milano - Duomo - 51, 54

 

Note agiografiche

Figura biblica connessa alla distruzione di Sodomia stabilita dal Signore, che, supplicato da Abramo, promise di risparmiare quegli abitanti della città riconosciuti come "giusti". Due angeli dunque si recarono a Sodomia, e riconosciuto in Lot l’uomo giusto, lo sollecitarono ad abbandonare al più presto la città destinata alla distruzione, portando con sé la moglie e le due figlie: Usciti dalla città, i due angeli raccomandarono loro di allontanarsi velocemente senza mai voltarsi; ma la moglie di Lot, disobbedendo, si voltò e venne tramutata in una statua di sale. Lot dapprima si rifugiò a Zoar, poi si allontanò stabilendosi in una caverna con le figlie. Queste, indotte dalla necessità di avere una discendenza, decisero di congiungersi con il padre che, benché vecchio, era l’unico maschio superstite. Dato dunque al padre abbondante vino, a sua insaputa le figlie concepirono due figli che divennero progenitori delle due tribù dei Moabiti e degli Ammoniti.

Antico Testamento - Genesi 19