S. GRATO

Aosta – Cattedrale – 1
Challand St. Victor – Chiesa - 2

 

Note agiografiche

Santo. Secondo vescovo di Aosta, probabilmente di origine greca - come gli altri vescovi dell’Italia settentrionale - sembra avesse studiato nel cenobio di Vercelli. Non si hanno notizie attendibili, poiché gli Atti di S. Grato non hanno fondamento storico Il suo impegno nel sostenere l’ortodossia si evince dal fatto che appose la sua firma - a nome del suo vescovo Eustasio - ad una lettera inviata a papa Leone Magno a conclusione del Concilio provinciale di Milano del 451. Si sa che partecipò alla traslazione delle spoglie del martire Innocenzo. E’ considerato protettore dei campi.