GENESI  (storie della)

Milano – Duomo - 34
Milano Duomo Museo – 6, 7, 8, 9
Pisa – Cattedrale – 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 11, 12

 

Note agiografiche

Il primo dei cinque libri (che raccolti assieme formano il cosiddetto Pentateuco), esso è così denominato dal termine greco γένεσις [nascita, origine]; il titolo del testo ebraico è invece desunto dalla prima parola del libro, ossia hereschit [in principio]. Gli argomenti riguardano la creazione del mondo e dell’umanità, il peccato dei progenitori Adamo ed Eva, la degenerazione degli uomini iniziata con il delitto di Caino, il diluvio universale, la torre di Babele e la suddivisione dell’umanità nelle tre grandi stirpi discendenti dai tre figli di Noè: i semiti da Sem, i camiti da Cam, i giapeti da Jafet. Con il capitolo 12 inizia la narrazione delle storie di Abramo e dei suoi discendenti: Isacco, Giacobbe, Giuda e Giuseppe, in cui si tratteggia a grandi linee la preistoria del popolo ebraico. I vari episodi narrativi nonostante le componenti diverse, (jahvista, elogista, e sacerdotale), sono profondamente legate dalla concezione sostenuta dall’ultimo redattore del testo, ossia che l’umanità è opera di Dio la cui bontà si estende a tutti gli uomini, e che l’aspirazione umana al divino si realizza nella adesione alle promesse. Indagini archeologiche confermano l’ambiente storico dei personaggi; ma il testo è essenzialmente religioso, ed è fondamentale per l’ebraismo e per il cristianesimo.

Antico Testamento Libro 1