SICILIA - Palermo
SCHEDA : Palazzo Abatellis 1
TITOLO : Qamaryyeh con motivo a stellette

UBICAZIONE: Palermo, Palazzo Abatellis [Galleria Nazionale della Sicilia] inv. n. 174; attualmente la transenna è conservata negli spazi espositivi della Zisa.

DIMENSIONI: Transenna in gesso con traforo a giorno; cm. 130 x 81,5; la bordura a caratteri cufici è larga cm. 6

PROVENIENZA: Dalla chiesa di S. Giovanni degli Eremiti. La transenna è stata ritrovata entro una finestra sopra l’arco divisorio tra le due porzioni della navata; finestra resa cieca da una tamponatura; attualmente in situ si trova una copia lignea. Il Patricolo durante i lavori di restauro rinvenne altri frammenti di trafori fra la muratura moderna di questo stesso vano e quella dell’altro sopra la piccola abside meridionale; onde, annota lo studioso, "sarà facile concludere che nella chiesa di San Giovanni degli Eremiti tutte le finestre erano chiuse da trafori di gesso poco dissimili da quello scoverto". Le altre finestre sono state modificate e rese rettangolari; ma è presumibile che l’originario assetto comportasse una serie di transenne arcuate.

CRONOLOGIA: Prima metà del XII secolo

AUTORE:

COMMITTENZA:

SOGGETTO/I: Il motivo ad arabesco di questa transenna appartiene al repertorio impiegato nelle qamaryyeh islamiche. Giustamente il Salinas confermando l’osservazione del Patricolo, annota come il partito decorativo di questa qamaryyeh sia quasi identico a quello di una finestra della moschea di Ibn-Tûlûn: una trama di stellette entro esagoni i cui immediati precedenti sono stati dal Creswell individuati nel mosaico pavimentale della Domus Aurea, nella volta dell’esedra sud del Tempio di Baa’lbek, nel soffitto monolitico del Grande Tempio di Palmira. Tuttavia, come le altre qamaryyeh siciliane, anche questa si differenzia da quelle arabe per il sistema di esecuzione assai semplificato: anziché essere lavorato a traforo entro la lastra di gesso indurito con allume ed essicato , il disegno di questa transenna è stampato colando il gesso pastoso entro una matrice in creta; ed anche i trafori sono stati realizzati con stampi mobili.

NOTE CRITICHE: La chiesa di San Giovanni degli Eremiti è stata fondata da Ruggero II nel 1142 sui resti di una moschea al centro di Palermo nei paraggi della residenza ufficiale. Come San Cataldo (v. Palermo c. di S. Cataldo1), e la non lontana Martorana (v. Palermo Palazzo Abatellis 3), l’edificio appare indistinguibile dalle moschee lasciate aperte al culto sull’isola.

Nelle sue celebri pagine dedicate all‘ Isola giardino, Edrisi , ospite a Palermo alla corte normanna negli anni 1139 – 59, loda il ‘buon governo’ di Ruggiero II. "...Diciamo dunque che l’isola di Sicilia è la perla del secolo per abbondanza e bellezze; il primo paese [del mondo] per bontà [ di natura, frequenza di ] abitazioni abitazioni e antichità [d’incivilimento] .....E veramente i re della Sicilia vanno messi innanzi di gran lunga a tutti gli altri re per la possanza, per la gloria e per l’altezza dei proponimenti". E così magnificava la città di Palermo: " la più vasta ed eccelsa metropoli del mondo. ..... Ha Palermo edifizii di tanta bellezza che i viaggiatori si mettono in cammino [attirati dalla] fama delle [meraviglie che quivi offre] l’architettura, lo squisito lavorio, [l’ornamento di tanti] peregrini trovati [ dall’arte]." La magnificenza della città di Palermo descritta da Edrisi, è frutto di una vitale convergenza delle culture romanica, musulmana, bizantina; di un’operosa convivenza etnico – religiosa e della contiguità lavorativa di maestranze disparate. Elementi che hanno dato esito ad una cultura architettonica arabo normanna composita, ove risultano chiaramente leggibili matrici bizantine e differenti componenti arabe. Queste risultano predominanti nella zona occidentale dell’isola, in particolare a Palermo. Significativi esempi di architettura arabo -normanna le già citate celeberrime chiese della Martorana, di S. Cataldo, di S. Giovanni dei Lebbrosi . Nella chiesa di S. Giovanni degli Eremiti evidenti sono gli astrati islamici, rintracciabili nei netti incastri volumetrici che caratterizzano l’edificio: i nitidi, squadrati alzati sono conclusi dalle rosee cupole emisferiche connesse direttamente a pennacchi a tromba senza la mediazione di tamburi; una soluzione architettonica che allenta il rapporto tra elementi portanti ed elementi portati. Tale struttura ‘paratattica’ viene accentuata dall’ illusivo gioco chiaroscurale della finestratura; e le nicchie dei pennacchi a tromba creano al di sotto della cupola una forte penombra che dissolve i legami con il sottostante paramento murario a favore della intensità luminosa focalizzata nelle finestre . In questo contesto architettonico si pone dunque e va interpretato il fiorire della qamaryyeh in Sicilia:una schermatura la cui funzione risulta duplice: creare un diaframma che permetta la circolazione dell’aria, ed ottenere un ingannevole gioco chiaroscurale che fa levitare la copertura.

Fruttuosa risulterebbe senz’altro l’indagine comparata sulla fisionomia organizzativa delle varie maestranze impegnate nei cantieri siciliani: poiché è ipotesi plausibile che ci sia stata una circolazione di modelli, forse di maquettes, tra i mosaicisti, i ceramisti, gli stuccatori, i vetrai, attivi fianco a fianco nei grandiosi cantieri siciliani.

STATO DI FATTO: La stampigliatura ornamentale della bordura ed i trafori dello specchio sono conservati parzialmente solo nel lato destro; le parti frammentate sono state foderate sul verso con un nuovo strato di gesso.

BIBLIOGRAFIA: v. Bibl. Qamaryyeh Sicilia

REF. FOTOGRAFICHE: Firenze archivio Francesca Dell’Acqua

ESTENSORE: Francesca Dell’Acqua, Caterina Pirina - gennaio 2003

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

REF. FOTOGRAFICHE:

ESTENSORE: