NASCITA ED EVOLUZIONE DEI CARTONI PREPARATORI

I disegni preparatori

Il disegno ha, spesso, una funzione progettuale nella realizzazione di un'opera d'arte, e può rappresentare un passaggio obbligato nel procedimento operativo di molte tecniche artistiche. In tale caso si definisce preparatorio, e può essere di due tipi:

Prima che la carta si diffondesse e diventasse il materiale più comune per la pratica delle arti grafiche, venivano utilizzati vari metodi per l'esecuzione di disegni preparatori1.


  1. Esempi di disegni preparatori diretti praticati comunemente fino al XV secolo sono le sinopie delineate sotto gli affreschi e i mosaici, il disegno eseguito direttamente sull'imprimitura dei dipinti su tavola. I disegni preparatori indiretti venivano, invece, eseguiti su supporti maneggevoli e mobili, come tavolette di legno, pergamena, stoffa, in modo da potere essere poi trasferiti sul supporto definitivo mediante vari sistemi di riporto; questi erano utilizzati quando non era possibile disegnare direttamente sul supporto dell'opera, ad esempio in molte arti applicate (vetrate, arazzi…)