CARTONI PREPARATORI PER VETRATA

I cartoni della cattedrale di Saint-Michel a Bruxelles

I cartoni, conservati al Museo Reale d'Arte e di Storia di Bruxelles, furono disegnati nel XVII secolo per le vetrate della cappella di Notre-Dame Libératrice da Jean De Labarre e Theodoor Van Thulden1.

I quattro cartoni, per altrettante finestre, sono costituiti ognuno da cinque "fasce" molto allungate, che corrispondono ai cinque pannelli di ogni vetrata.

I disegni sono delineati a carboncino, le ombreggiature sono a inchiostro bruno con lumeggiature a biacca o a gessetto bianco; i particolari più minuti sono marcati con una matita nera. Nei disegni vi sono molti ripensamenti e correzioni, specialmente nelle parti figurate. A volte sono segnati i colori col nome per intero, ma pur trattandosi di indicazioni molto chiare, esse non sono riportate sistematicamente per ogni punto dell'opera.

La divisione dei pannelli è ben definita, e i bordi laterali sono sottolineati a matita nera e a sanguigna; la piombatura è stata probabilmente tracciata da un mastro vetraio, e tutti i singoli piombi sono stati segnati sopra il disegno a sanguigna.

N. 1 J. de Labarre Vetrata di Léopold –Guillaume
N. 2 Th. van Thulden Vetrata di Ferdinando III ed Eleonora
N. 3 Th. van Thulden Vetrata dell’Imperatore Leopoldo I
N. 4 Th. van Thulden Vetrata degli Arciduchi Ferdinando e Isabella 
N. 5 Th. van Thulden Vergine, particolare della Visitazione
N. 6 Th. van Thulden Testa di Ferdinando III
N. 7 Th. van Thulden Sposalizio della Vergine, particolare
N. 8 Th. van Thulden Testa di Isabella

 


  1. Prima che venissero ritrovati i cartoni con la relativa documentazione, si supponeva che le vetrate fossero su disegno di Rubens, al quale si ispirano profondamente. Il cartone per la vetrata con l'Arciduca Léopold-Guillaume è stato realizzato da De Labarre, mentre Van Thulden ha ideato gli altri tre rappresentanti: l'Imperatore Ferdinando III e della sua sposa Eleonora, l'Imperatore Leopoldo I, gli Arciduchi Alberto e Isabella.