VAL D'AOSTA - Aosta
SCHEDA : Cattedrale 5
TITOLO : S. Giovanni Battista

UBICAZIONE: Aosta, Cattedrale, abside, fin. sII

DIMENSIONI: Vetrata ad arco carenato composta di cinque pannelli; cm. 385 x 85

PROVENIENZA: Collocazione originaria

CRONOLOGIA: Ultimi anni del XV secolo (1493: restauro documentato della chiesa)

AUTORE: Atelier locale (attribuzione)

COMMITTENZA: Famiglia De Prez

SOGGETTO: Su fondo di vetro incolore, al centro di un’edicola profusa di ornati, campeggia la scultorea figura in piedi del Precursore (titolare della parrocchia), col capo rivolto a sinistra e il viso corrucciato, severo, sotto una chioma e una barba chiare e fluenti. La figura è avvolta in un ampio mantello carminio che si apre facendo intravedere la sottostante tunica di cammello, fermata in vita da una cintola intrecciata. Con la sua mano sinistra egli tiene saldamente un libro dalla coperta azzurra, su cui sono posati l’Agnello mistico col nimbo dorato e il tradizionale vessillo. L’incorniciatura architettonica è costituita da due colonne scanalate, che sostengono una costruzione particolarmente complessa, riccamente decorata e impreziosita dal giallo d’argento. Sotto è un fregio a gigli entro quadrilobi, quindi una volta a crociera. L’arco termina in basso con lo stemma de Prez (senza insegne vescovili).

STATO DI FATTO: conservazione globalmente molto buona. Il rinnovamento dei pezzi autentici ha investito solo in minima parte l’edicola, coinvolgendo essenzialmente le colonne laterali per ravvivarne la bicromia. La pittura di superficie si presenta per lo più intatta; il leone dello stemma, invece, è stato rimpiazzato con tasselli colorati fedeli alla tinta primitiva. Si lamentano solo due lacune evidenti (sotto la cornice ai piedi del Battista, sulla sinistra, e nello scudo più in basso), colmate con vetri incolori; e un pesante piombo di rappezzo che ha sconnesso le tessere del pavimento.

NOTE CRITICHE: Il taglio dei vetri è vario e articolato. La grisaglia è stesa con larghe velature per il manto del Battista, mentre tutti i particolari sono definiti con un pennello sottile e leggero. I colori sono pochi, ma tersi e decisi, uniti ad un giallo d’argento particolarmente brillante e limpido. Questo Giovanni Battista rivela il distacco – e il superamento – dalla vetrata con soggetto analogo presso la Collegiata di Sant’Orso. L’impianto, oltre che le modalità esecutive e la qualità cromatica, è del tutto simile a quello della vetrata della Vergine con il Bambino (v. Aosta cattedrale 3). Il primo registro ripete il pannello corrispondente nella vetrata con la Crocifissione (v. Aosta cattedrale 2) con alcune varianti.

BIBLIOGRAFIA: Vedi, Bibl. Cattedrale di Aosta

REF. FOTOGRAFICHE: Archivio Emanuela Linda Cappa (foto Domenico Grossi, marzo 1998)

ESTENSORE: Emanuela Linda Cappa (gennaio 2003)