TOSCANA - Firenze
SCHEDA : C. di S. Maria Maddalena de’ Pazzi 3
TITOLO : Stemma famiglia Jacopi

UBICAZIONE: Fin. s VII- capp. Jacopi; la cappella iniziata nel 1489 venne, nel 1503, acquistata da Giovanni di Bernardo Jacopi. Sui capitelli della cappella sono scolpiti gli stemmi dello Jacopi e della moglie, della famiglia Serristori.

DIMENSIONI: cm. 270 x 200 c.

PROVENIENZA: collocazione originaria

CRONOLOGIA: 1503 c.

AUTORE: non documentato

COMMITTENZA: Giovanni di Bernardo Jacopi

SOGGETTO/I: vetrata a tondelli incolori entro una stola di rombi a diversi colori decorati con fiori. Al centro lo stemma di Giovanni Jacopi - un cinghiale nero uno scudo giallo.

NOTE CRITICHE: Apparentemente la tipologia di questa vetrata appartiene ai modi delle rinascimentali vetrate araldiche toscane. In realtà, nonostante sia essa prossima alla vetrata nella cappella Riccialbani (v. Firenze S. Maria Maddalena de’ Pazzi 4), si differenzia notevolmente per la singolarissima bordura: i piccoli esagoni che la compongono sono animati da vivaci figurette di animali; un repertorio solitamente estraneo all’arte vetraria e consueto invece alle opere miniate.Motivi di animali appaiono, ad esempio, nei libri d’ore di Zanobi Strozzi. La supposizione di una dimestichezza del maestro vetraio con l’arte del miniare induce a ricercare la sua attività all’interno di un laboratorio polivalente quale quello dei Gesuati. 

STATO DI FATTO: in buone condizioni

BIBLIOGRAFIA:

REF. FOTOGRAFICHE: Archivio CVMA - Italia

ESTENSORE: Reneé K. Burnam, febbraio 2003