LOMBARDIA Milano - Museo Bagatti Valsecchi
SCHEDA : Il Museo Bagatti Valsecchi, Milano

LA CASA ARTISTICA BAGATTI VALSECCHI

Museo Bagatti Valsecchi

Fausto e Giuseppe Bagatti Valsecchi inaugurarono nel 1883 la nuova facciata del loro palazzo su via santo Spirito, coronando così il progetto di costruire una dimora in cui abitare ispirata ai palazzi signorili del pieno Cinquecento Lombardo e di arredarla con oggetti d’arte rinascimentale. L’unicità del loro operato stava nel voler creare un insieme assolutamente armonico, in cui l’edificio, le decorazioni fisse (soffitti, camini, fregi…) e i preziosi oggetti d’arte collezionati con passione contribuissero in egual misura alla fedeltà dell’ambientazione rinascimentale.

Estranei a ogni velleità di musealizzazione, i due nobili milanesi concepirono per le loro raccolte un’eposizione esplicitamente domestica, conferendo ai preziosi manufatti un valore intimamente abitativo.

In quest’ottica rientra anche la presenza delle due vetrate comasche adeguatamente incorniciate e inserite nei rispettivi ambienti. Quella raffigurante il Transito di santa Marta arricchisce una stanza di passaggio tra la camera da letto di Fausto Bagatti Valsecchi e la stanza da bagno. Quella con santo Stefano è collocata nell’atrio su via santo Spirito, in un vano che permette l’accesso filtrato della luce naturale. Pompeo Bertini fu l’artista incaricato di integrare la vetrata inserendo la cornice e la lunetta superiore in stile in modo da adeguare il manufatto alle dimensioni del vano.

IL MUSEO BAGATTI VALSECCHI

Costituita nel 1974 per volontà degli eredi Bagatti Valsecchi, la Fondazione omonima ha raggiunto il suo obiettivo prioritario aprendo al pubblico nel 1994 la storica dimora come Museo. Questo è stato il traguardo di anni di lavoro dedicato alla valorizzazione del Palazzo e delle collezioni qui conservate, diffondendo in ambito nazionale e internazionale la portata storica e artistica di questo singolare complesso artistico.

Fin dal 1990, anno in cui fu organizzato dalla Fondazione Bagatti Valsecchi il Convegno "Milano fin de siècle e il caso Bagatti Valsecchi", fu individuato quale indirizzo di ricerca futura l’analisi, lo studio e la divulgazione delle molteplici manifestazioni della cultura del XIX secolo che aveva prodotto lo straordinario complesso Bagatti Valsecchi.

Il gusto dell'abitare, il collezionismo, i riti della sociabilità, la grande stagione dello Storicismo e dell'artigianato d'arte furono alcuni tra i temi individuati da approfondire e sviluppare : tutto ciò nella piena consapevolezza comunque dell'importanza di dedicare specifici studi alle preziose raccolte di opere conservate nel Museo realizzate tra il XIV e il XVI secolo e attenti interventi tesi alla loro conservazione.

In questa prospettiva sono state progettate molteplici attività del Museo Bagatti Valsecchi attività svolte in differenti ambiti: ricerca, conservazione, didattica, editoria, promozione ed attivita’ commerciale

Per ulteriori informazioni circa il museo e le sue attività culturali, consultare il seguente sito: http://www.museobagattivalsecchi.org