LOMBARDIA Milano - Duomo
SCHEDA : Milano Duomo 28
TITOLO : Vetrata di S. Giuseppe

UBICAZIONE: Milano Duomo. Fin. n XIV.

DIMENSIONI: Fin. a 3 lancette, conclusa da trilobi e rosone: alt. cm. 2175 x 320. Pannelli rett. cm. 118 x 67; trilobi cm. 85 x 68.

PROVENIENZA: Milano Duomo. Collocazione originaria (fin. n XIV).

CRONOLOGIA: 1575-1576.

AUTORE/I: Valerio Perfundavalle (ideazione, esecuzione della metà superiore); P. Angelo Sesini (aiuto); completata (metà inferiore) da G. B. Lampugnano (1657-1658).

COMMITTENZA: Ven. Fabbrica del Duomo di Milano, a completamento del "ciclo mariano" voluto da S. Carlo.

SOGGETTO/I: 1a, 1b, 1c), 2a, 2b e 2c) Il sogno di Giuseppe; 3a, 3b, 3c), 4a, 4b, 4c), 5a (trilobo), 5b, 5c (trilobo) e 6b) (trilobo) La Visitazione; 6a, 6b, 6c), 7a, 7b, 7c), 8a, 8b e 8c) Natività di Gesù; 9a, 9b, 9c), 10a, 10b, 10c), 11a (trilobo), 11b (trilobo) e 11c) (trilobo) La fuga in Egitto; rosone (P. Bertini).

NOTA: Per le vetrate cinquecentesche del Duomo di Milano si mantiene la numerazione ufficiale del C.V.M.A. anche se, per alcune di esse, la lettura delle vicende agiografiche può partire dall’alto piuttosto che dal basso o viceversa. Ciò a causa della diversa collocazione dei singoli antelli all’interno della vetrata.

NOTE CRITICHE: La vetrata di S. Giuseppe è opera del fiammingo Valerio Perfundavalle da Lovanio (cartoni e trasposizione in vetro) e Pietro Angelo Sesini (reti di rame). Iniziata nel 1574 (con quella di S. Caterina andata perduta) e portata a termine per metà (Reg. 752, f. 128, 30 genn.) nel 1576, risulta conclusa e ampiamente rimaneggiata nel sec. XVII da G. B. Lampugnano (come testimonia la scritta 1657 G.B.L.F. 1658, Giovanni Battista Lampugnano fecit, posta in un antello della "Visitazione"). La somma pagata al Perfundavalle è cospicua: £. 1462 s. 35 suddivisa in due acconti (15 nov. 1574, 24 nov. 1575 di £. 656 s. 30) e un saldo finale (30 genn. 1576, £. 806 s. 5, per "37,5 quadretti della vetrata di S. Giuseppe e per 70 quadretti della vetrata di S. Caterina"). Impianto compositivo non unitario, disegno sommario di dimensioni sproporzionate rispetto ai limiti architettonici del finestrone, cromatismo pittorico e non vetrario. L’excursus artistico di Valerio Perfundavalle (1530c.-1598) in Duomo è documentato da numerosi documenti (1572-1577): Contratto di lavoro, 1572, per l’esecuzione di tutte le vetrate; vetrata di S. Tecla e S. Agnese, 1572 (v. Duomo n. ); vetrata di S. Elena ("75 quadretti"), 1572-1574 (v. Duomo n. ); 5 tavole dipinte per il portale, affreschi alla Torretta dell’Orologio in Camposanto, 1573; assegnato un locale per lavorare il vetro, 1574; vetrate di S. Giuseppe e S. Caterina, 1574-1576; nuovo Contratto di lavoro con aumento di stipendio, 1575; pitture per il Battistero, 1575; 32 disegni per le vetrate dello Scurolo, 1576; doratura e fattura della Croce e Cassetta per il SS. Chiodo, 1577. Pietro Angelo Sesini, collaboratore del Perfundavalle, è attivo in Duomo (1562-1575) soprattutto come esecutore delle reti di rame alle finestre; lavora alla messa in opera del pavimento marmoreo del Duomo, 1589; muore nel 1598, con testamento a beneficio della Fabbrica del Duomo.

STATO DI FATTO: In buono stato di conservazione nonostante numerose lacune, rimaneggiamenti, inserti arbitrari. Restauro "integrativo" di P. Bertini (1881-1890) che prevedeva la sostituzione di tutti gli antelli appena restaurati (da collocarsi nel finestrone n. 8, Storie di S. Agnese e S. Tecla), con alcuni vetri di spoglio provenienti dallo stesso finestrone n. 8 e con gli antelli superiori a grisaille della vetrata n. 36, progetto non attuato. Restauro occorso anche per riparare i danni provocati da una rovinosa grandinata (13 giugno 1874). 1964-1969 Ven. Fabbrica del Duomo, Direz. Arch. E. Brivio: spolvero, pulitura dei vetri con sostanze detergenti a base di polifosfati, sciacquatura con acqua distillata, rimpiombatura parziale, sostituzione dei telai in ferro con altri in bronzo-marina. Rifacimento reti protettive con telai in bronzo-marina e maglie in filo di rame. Nessuna controvetrata.

BIBLIOGRAFIA: v. Bibl., Milano Duomo- Vetrate Cinquecentesche.

REFERENZE FOTOGRAFICHE: Fototeca Dr. Laura Monciardini

ESTENSORE: Laura Monciardini marzo 1998.