EMILIA ROMAGNA - Bologna
SCHEDA : Bologna Basilica di S. Petronio 1
TITOLO : SS. Vitale, Agricola, Floriano, Procolo

UBICAZIONE: Bologna Basilica di S. Petronio, Cappella Vaselli [Cappella di S. Sebastiano], fin. e VII

DIMENSIONI: Quadrifora composta da pannelli rettangolari( altezza variabile da cm.60 a cm. 135, larghezza cm. 88) conclusi da pannelli lobati ( cm. 90 x 88) e sormontati da due rose polilobate (diam. cm. 90 ) e da un rosone (diam. cm. 210); misure dedotte dalla simile vetrata dei Notari ( Bologna Basilica di S. Petronio 2)

PROVENIENZA: Collocazione originaria

CRONOLOGIA: 1487 – 1497 (su indizi documentari)

AUTORE: Ideazione: Lorenzo Costa ed aiuti (attribuzione); esecuzione: bottega dei Cabrini ( attribuzione)

COMMITTENZA: Nel 1487 il canonico Donato Vaselli ebbe in concessione la cappella dietro l’impegno di decorarla entro dieci anni.

SOGGETTO/I: Pannelli rettangolari: 1a,1b, 1c, 1d Zozzolo a mensoloni con angioletti reggenti lo stemma dei Vaselli; 2a- 3a- 4a S. Vitale; 2b, 3b S. Agricola; 2c, 3c, S. Floriano; 2d, 3d S. Procolo; a4a-4b-4c-4d edicole; 5a, 6a S. Francesco; 5b, 6b S. Petronio; 5c, 6c S. Ambrogio; 5d, 6d S. Domenico; 7a-7b-7c-7d cuspidi; 8ab Angelo annunziante (rosa polilobata); 8cd Vergine Annunziata (rosa polilobata); 9cd Martirio di S. Sebastiano (rosone).

NOTE CRITICHE: Il Marchini riconduce la vetrata a quel repertorio ferrarese entrato a far parte del mondo culturale bolognese. A suo avviso la vetrata è il risultato di due interventi ideativi: ad un pittore di pale d’altare influenzato dal Costa va ricondotto il disegno delle figure faticosamente adattate alla fastosa cornice architettonica dei baldacchini carichi di pesanti ghirlande di frutta, opera questa probabilmente della bottega dei Cabrini. Tuttavia la non alta qualità disegnativa è riscattata l’intensa squillante cromia dei santi entro le nicchie " con un carattere di eleganza profana"

STATO DI FATTO: In avanzato stato di degrado: sul lato esterno il deposito di singenite dovuto al processo di corrosione è assai vistoso. Nei vetri bianchi delle partiture architettoniche è ben visibile il distacco della grisaille.

BIBLIOGRAFIA:

REF. FOTOGRAFICHE: Archivio Studio Fenice di Bologna

ESTENSORE: Caterina Pirina gennaio 2002