Il palazzo Borromeo e la chiesa di Santa Maria Podone

2.2

Del palazzo originale, ricostruito da F. Reggiori dopo le distruzioni operate dai bombardamenti del 1943, è rimasta la sola facciata di muratura laterizia. L’imponente portale del XV secolo presenta un arco a sesto acuto costruito mediante la giustapposizione di conci di marmo di Candoglia e di Rosso ammonitico, sormontato da un profilo decorato sempre di marmo e sostenuto da piedritti monolitici ancora in marmo di Candoglia. Un portale simile è visibile in un edificio neoclassico di via Filodrammatici 1: si tratta del portale di palazzo Vimercati del XV secolo, costruito anch’esso con elementi scolpiti di marmo di Candoglia.


2.2_cLa chiesa che fronteggia il palazzo ha origini medievali, tuttavia diverse ricostruzioni hanno condotto all’aspetto attuale con la facciata progettata da F. Mangone (XVII secolo) come un arco trionfale. L’arco costruito in muratura poi intonacata presenta quattro lesene con basi di pietra di Viggiù, i capitelli sono di Ceppo del Brembo così come trabeazione, cornici e timpano.
Il pronao è retto da quattro fusti con plinto di granito rosa di Baveno, le basi e capitelli sono di pietra di Viggiù; il timpano è di Ceppo.